DIRITTO REGIONALE

a.a. 2018 - 2019

prof. Roberto Bin

 

 

ORGANIZZAZIONE DEL CORSO

Il corso di Diritto regionale si svolge in forma seminariale. Agli studenti frequentanti, dopo una serie di lezioni introduttive, sarà offerta la possibilità di approfondire uno dei temi trattati dalla giurisprudenza costituzionale e di svolgere una relazione orale sul tema (per le indicazioni, consultare la pagina Materiali utili): questa esercitazione sostituirà l'esame orale.

Gli studenti non frequentanti possono invece preparare l'esame sul testo BIN-FALCON (a cura di), Diritto regionale, Il Mulino 2018, II edizione.

LEZIONI REGISTRATE

le lezioni introduttive del corso 2018-2019 sono registrate e possono essere scaricate e ascoltate con un comune lettore audio, essendo in formato .WMA. Si può usufruire anche delle lezioni registrate nel corso 2009-2010,  2011-2012 e 2012-2013

data (2019) n° lezione

argomento

note

25 febbraio lezione 1-2

Presentazione del corso. Modelli di Stato: federazione e confederazione. L'unificazione amministrativa del Regno d'Italia

Legge sull'unificazione amministrativa 1865; Stato e modelli di organizzazione; Costituzione federale;

26 febbraio lezione 3-4

Perché l'Assemblea costituente ha istituito le Regioni?; Le origini della "specialità"; L'impianto costituzionale dell'autonomia legislativa regionale (1948)

I lavori dell'AC: sistema di ricerca per articolo; Perché le Regioni?; Statuto della Sicilia; Statuto Friuli-Venezia Giulia; Statuto Valle d'Aosta; Statuto Trentino-AA ; Federalismo vs. regionalismo; L'art. 117 nella Costituzione 1948;

4 marzo lezione 5-6

La potestà legislativa delle Regioni speciali: Potestà esclusiva, concorrente e potestà di attuazione; tecnica del ritaglio e decreti di trasferimento; delega di funzioni amministrative e principio del paralleleismo delle funzioni; trasferimento e delega nei decreti di trasferimento: 616/77 e riforma Bassanini; le funzioni di "interesse meramente locale"

nelle precedenti puntate; il rapporto a trefonti regionali (1948); ritaglio delle competenze;

5 marzo lezione 7-8

La trasformazione dell'interesse nazionale da limite di merito in limite di legittimità e l'appiattimento dei livelli di potestà legislativa

fonti regionali (1948); ritaglio delle competenze; tecnica del ritaglio:  sent. 138/1972 (fiere mercati); sent. 140/1972 (assistenza sanitaria e "prudenza" della Corte); 141/1972 (agricoltura) esempi di decreti di trasferimento: dPR 7/1972; dPR 616/1977; riforma "Bassanini" (legge 59/1997 e d.lgs. 112/1998); limite territoriale e interessi; principi generali del'o.g.: sent. 1107/1988; grandi riforme

18 marzo lezione 9-10

Le riforme 1999-2001. L'elezione diretta del Presidente della Regione. L'art. 114 Cost. e i suoi simboli

Legge cost. 1/1999: elezione direttaSent. 2/2004 (sullo Statuto della Calabria);  gli art. 114 (1948 e 2001); l'impugnazione delle leggi

18 marzo lezione 11-12

Il "nuovo" Titolo V: l'inversione dell'ordine dell'enumerazione delle materie

la "rivoluzione" del 2001;  Il nuovo riparto delle competenze legislative e amministrative
 

Il nodo delle materie "concorrenti"; altri tipi di concorrenza; altri tipi di riparto delle competenze

competenze concorrenti; divisioni delle competenze; esempi divisione per politiche; la tecnica di divisione delle competenze nel TUEF; la tecnica nel TUEL; l'equivoco delle materie nelle "devolution", nella riforma del 2006 e nella proposta di riforma del 2012
 

L'art. 117: la partecipazione regionale alle politiche europee e il riparto della potestà regolamentare

La legge di "attuazione" della riforme e le altre norme su Regione e UE
 

il riparto delle funzioni amministrative. Il principio di sussidiarietà

Otto powerpoint sulla sussidiarietà: 12, 3, 4, 5, D1, D2, UE1

 

Sussidiarietà verticale e funzioni degli enti locali. La potestà regolamentare degli enti locali

Le funzioni nel Tuel; le funzioni nel "decreto Bassanini"; Funzioni in EMR; le funzioni fondamentali nel "federalismo fiscale"; le funzioni fondamentali nella "legge sull'unificazione 1865"; Sentenza 246/2006 sul limite alla legittimità dei regolamenti regionali

 

Dalle materie "trasversali" e principio di leale collaborazione

Materie "trasversali"; Quante sono le "materie trasversali"?;
 

Il criterio di prevalenza e la "chiamata in sussidiarietà"

Criterio della prevalenza; chiamata in sussidiarietà
 

Chiamata in sussidiarietà e sue condizioni

condizioni della chiamata;
 

Sussidiarietà e collaborazione: le conferenze

decreto "Bassanini" sulle Conferenze; Conferenza Stato-regioni; il caso Metrò Parma (punto 5)
 

Potere sostitutivo

Le origini; La "sostituzione legislativa": legge Bassanini;
 

L'art. 120.2 Cost.

legge 131_2003; caso Loriero
 

La potestà statutaria REGISTRAZIONE FALLITA

La potestà statutaria nel 1948; la riforma del 1999; l'attuazione; la questione dei principi  sent 372/2004
 

La tutela giurisdizionale

Le norme del 1948; L'art. 127 oggi; La questione pregiudiziale; impugnazione decreto-legge
 

relazioni

 
 

relazioni

 
 

relazioni

 
 

 

 
 

 

 
 

 

 
 

 

 
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     

 

 

Area riservata agli studenti frequentanti: temi e materiali per le esercitazioni (non ancora attivo)